Andria: inciviltà e follia a capodanno, distrutto il dehor di una pizzeria

02/01/2016 - Pochi minuti di follia per distruggere i sacrifici di chi, la notte di capodanno, ha visto andare in fumo parte del proprio lavoro. Ad Andria va a fuoco il dehor di una pizzeria in corso Cavour.

L’ennesimo episodio di barbarie è accaduto nella città pugliese che da anni vive nell’inciviltà e nella mossa della microcriminalità. A causa dell'esplosione di diversi petardi, il dehor di un'attività commerciale ha preso fuoco. Sull’episodio indagano le forze dell’Ordine che cercano di comprendere le dinamiche dell’accaduto e la regolarità dei permessi concessi dal Comune ai proprietari della pizzeria.

Savino Montaruli di Unimpresa BAT, ha espresso tutto il suo rammarico nei confronti della vicenda, facendo riflettere su delle ragioni probabilmente più radicate all’interno di una comunità che non commenta e resta inoperosa e taciturna. Una situazione che preoccupa e non dà segnali d’arresto, neanche in un momento di unione e gioia come quello dell’inizio di un nuovo anno.

“E’ evidente che il micidiale mix di condizioni che si stanno intrecciando tra di loro, fanno sì che la città manifesti sempre più un senso di insicurezza e di preoccupazione soprattutto per episodi legati alla microcriminalità, quasi sempre non organizzata, che è la più difficile da controllare e da debellare”. Queste le ragioni, secondo il presidente di Unimpresa BAT dinanzi a questo ed altri episodi di inciviltà avvenuti la notte di capodanno nella co-provincia pugliese.





Questo è un articolo pubblicato il 02-01-2016 alle 16:35 sul giornale del 04 gennaio 2016 - 1780 letture

In questo articolo si parla di cronaca, incendio, Andria, articolo, bat, Tania Andreula, dehor distrutto, pizzeria Corso Cavour

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ar0c