Brindisi: Notte Nazionale dei Licei Classici, gli studenti del "Marzolla"aprono le porta alla città

12/01/2016 - Dopo il successo dello scorso anno, ben un migliaio di visitatori, il Liceo classico Benedetto Marzolla riapre le sue porte alla città venerdì 15 gennaio dalle 17 alle 23 per la seconda edizione della Notte Nazionale dei Licei Classici.

Forte di circa 250 adesioni di istituti da Gorizia a Palermo, l’iniziativa (partita dal Liceo Gulli-Pennisi di Acireale e dal collega Rocco Schembra) non è più semplicemente una scommessa, un divertissement, una provocazione ma piuttosto un impegno serio a creare un momento di riflessione culturale sulla formazione classica. In controtendenza con Usa e Europa, l’Italia , infatti, limita sempre più il valore formativo del classico come una sorta di prodotto di nicchia per cultori di nozioni preziose ed erudite ma tendenzialmente inutili , o, peggio ancora, estraniate o inadeguate ad un mondo che si nutre ed alimenta di solo presente, tecnologizzato nelle sue più intime fibre… in evidente contraddizione con il fatto che la stessa parola tecnologia è, ahimè, figlia di una lingua morta ed esprime il concetto di sapere pratico.

Dunque, mentre all’estero si recupera la straordinaria capacità attraverso le lingue classiche di organizzare la mente, in Italia il Liceo Classico, additato come scuola ex-clusiva, strapazzato da diverse riforme, e’ aperto già da tempo, senza che la potenza di tale azione risuoni all’esterno, sempre di più al mondo attuale, includendo in sé molte delle suggestioni care al presente, dal potenziamento delle lingue straniere alla matematica /informatica, all’uso delle Tic e della Lim nella didattica anche del greco e del latino, al diritto, ad esperienze di stage, di alternanza scuola-lavoro e avendo, in sé, più di altri, la capacità di leggere il mondo in una visione 3D derivante dalla conoscenza-comprensione di tutte le dinamiche umane, del pensiero e dell’azione, che ci hanno condotto, tutti, dove siamo. Per sottolineare quindi la resistenza di una scuola che, a detta dei suoi studenti, educa a sognare, in questi giorni in “casa” Marzolla fervono i preparativi per la realizzazione, all’interno della Notte, di un percorso articolato che esprima la multiformità culturale dell’Istituto.

Il 15 il pubblico potrà seguire un main show (special guest l’attore Enzo De Caro) intessuto di performances realizzate in collaborazione da studenti e docenti. Spazio alla creatività e ai talenti, tanti, che si cimenteranno in rappresentazioni teatrali in italiano e inglese , declameranno e drammatizzeranno testi greci e latini, si esibiranno in piece musicali e canore rigorosamente live. Allestita una sezione cinema , con la proiezione di corti realizzati dagli studenti, una hall scientifica con video esperimenti di matematica fisica e trasversali, exhibitions e mostra documentaria. Molte e gradite le collaborazioni con ex allievi (Francesca Danese, performer nota ed impegnata, Marcella Diviggiano). Un melting pot per tutti i gusti , una orgogliosa e gioiosa dichiarazione di identità cui sono invitati tutti i membri della comunità brindisina, studenti, genitori, docenti, associazioni e cittadini.

Assicurata la diretta streaming.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-01-2016 alle 08:39 sul giornale del 13 gennaio 2016 - 1300 letture

In questo articolo si parla di scuola, cultura, studenti, notte, brindisi, liceo classico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aspo