Torchiarolo: operazione Finibus, sequestro di beni patrimoniali per 250mila euro

15/01/2016 - I carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Brindisi hanno eseguito nei giorni scorsi un decreto di sequestro anticipato di beni patrimoniali, emesso dall'Ufficio Misure di Prevenzione del Tribunale di Brindisi, su richiesta della locale Procura della Repubblica, e convalidato dalla Sezione Penale del Tribunale di Brindisi, nei confronti di Patrizio Patrizio, 56enne di Torchiarolo.

Il provvedimento è scaturito nell'ambito dell'operazione convenzionalmente denominata "Finibus" che il 16 novembre 2015 ha portato all'arresto di 15 persone per traffico di stupefacenti, porto e detenzione illegale di arma da fuoco, ricettazione e rapina in abitazione. Operazione condotta in vari comuni del brindisino e a Bologna dai carabinieri della Compagnia di Francavilla Fontana – coordinati dalla Procura della Repubblica di Brindisi – e supportati nella fase esecutiva dal personale di tutti i reparti del Comando Provinciale Carabinieri di Brindisi, nonché dei Nuclei Cinofili di Modugno (BA) e Potenza.

Il sequestro, eseguito in applicazione della normativa antimafia, riguarda beni mobili e immobili (un'autovettura e un fabbricato sito nel Comune di Torchiarolo) riconducibili a Perrone, in atto detenuto presso la casa circondariale di Brindisi, per un valore complessivo stimato di 250 mila euro.


di Redazione
brindisi@viverepuglia.it 

 




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-01-2016 alle 12:39 sul giornale del 16 gennaio 2016 - 1218 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, sequestro, brindisi, patrimonio, torchiarolo, finibus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aswS