Brindisi: Asl, assunti 14 medici da destinare al pronto soccorso di Brindisi, Ostuni e Francavilla Fontana

25/01/2016 - Parallelamente agli interventi strutturali ed organizzativi messi in campo per la realizzazione di un nuovo e più qualificato modello di assistenza territoriale ed ospedaliera della ASL BR, il Direttore Generale Dott. Giuseppe Pasqualone, a conferma di una coerente linea di comportamento dichiarata sin dai primi giorni del suo insediamento, ha voluto procedere speditamente al previsto potenziamento delle attività e dell’organico dei servizi di Pronto Soccorso dei tre Presidi Ospedalieri afferenti a questa Azienda Sanitaria.

Concluse le procedure concorsuali, approvata la graduatoria per titoli ed esami a seguito di concorso bandito nel febbraio del 2014 per n. 10 posti di Dirigente Medico della disciplina di Medicina e Chirurgia d’accettazione e d’urgenza, saranno assunti complessivamente 14 medici. Hanno già firmato il contratto i dieci professionisti assegnati all’Area Emergenza-Urgenza dei tre Presidi Ospedalieri di questa Azienda Sanitaria, così distribuiti: cinque a Brindisi, tre ad Ostuni/Fasano e due a Francavilla Fontana. Inoltre, si sta procedendo allo scorrimento della stessa graduatoria per altre quattro unità: tre andranno a rinforzare ulteriormente la task force del Pronto Soccorso del “Perrino”, un altro medico è in fase di assegnazione.
Così facendo, a partire dai prossimi giorni i turni saranno organizzati con la presenza costante di più medici, con un’articolazione che riuscirà a garantire una migliore qualità del servizio ed una più rapida presa in carico dei pazienti che afferiscono alle tre principali postazioni di pronto soccorso degli ospedali della provincia.
Una particolare attenzione è stata rivolta all’area dell’emergenza-urgenza dell’Ospedale di Brindisi, parallelamente al consolidamento della risposta agli utenti attraverso l’incremento degli assetti numerici relativi al personale medico assegnato. La qualità dell’assistenza viene ulteriormente garantita attraverso il ricorso agli otto posti dedicati all’Osservazione Breve Intensiva, di recente attivazione, dove i pazienti possono avvalersi di un'area dedicata all’attesa per effettuare percorsi diagnostici più approfonditi e dare così ai medici la possibilità di una decisione terapeutica o presa in carico più appropriata.
Il costante lavoro funzionale ed organizzativo attivato dalla Direzione Generale per il Servizio di Emergenza Urgenza di Brindisi è stato finalizzato a raggiungere obiettivi prioritari di miglioramento del governo sia dei flussi in ingresso ed in uscita dal Pronto Soccorso, sia per riuscire a garantire al cittadino-utente una migliore qualità dei servizi di emergenza-urgenza; necessario è stato anche un intervento di rifacimento igienico/strutturale degli ambienti dedicati, il risultato è sotto gli occhi di tutti.
Questa importante decisione strategica aziendale, in coerenza con gli impegni assunti in passato, rappresenta non solo una ulteriore risposta operativa organica, ma anche un impegno verso la popolazione locale per la riduzione dei tempi di attesa negli ospedali e la conseguente presa in carico del paziente secondo gli standard di qualità delle cure. Tutto in armonia con quanto previsto dalla normativa regionale sulla riorganizzazione della rete ospedaliera che identifica il Pronto Soccorso come un servizio fondamentale per qualificare l’intervento sanitario territoriale di tutta l’Azienda Sanitaria di Brindisi.




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-01-2016 alle 17:28 sul giornale del 26 gennaio 2016 - 1348 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, ospedale, medici, brindisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/asTs