INTERVISTA – Latiano, il sindaco promette: “I carabinieri non si sposteranno da qui”

02/02/2016 - A poche settimane dalla fine del 2015 e con la previsione di bilancio comunale del nuovo anno alle porte, il sindaco di Latiano, Cosimo Maiorano, ha voluto tracciare quelle che sono state e saranno le linee guida del proprio operato.

La città di Latiano, in questo periodo, versa in qualche incresciose criticità, che vanno dal problema principale relativo allo stabile che ospita il corpo dei carabinieri, fino allo sforamento del patto di stabilità, allarme fortunatamente rientrato nell’ultimo periodo.

Proprio per questo, abbiamo incontrato il primo cittadino Maiorano, che ha fornito importanti risposte in merito a ciò e ad altro ancora. Il sindaco, prima di tutto, chiarisce il punto proprio sul patto di stabilità: “La cosa positiva del bilancio comunale, approvato, è che noi siamo riusciti a rientrare dallo sforamento del patto di stabilità – precisa Maiorano – ereditato dalla vecchia amministrazione. Quando un ente locale sfora il patto di stabilità, intanto, provengono meno risorse dal governo centrale, non possono essere contratti mutui, non posso essere assunte persone e, pertanto, c’è una situazione di stallo totale. Ora, per quanto riguarda le assunzioni – fa sapere – in questi giorni andremo a predisporre un piano pluriennale delle assunzioni ma siamo fortemente vincolati di andare a verificare gli esuberi provinciali”.

A Latiano, però, aleggia anche lo spettro carabinieri, o meglio, ‘non’ carabinieri. Sì, perché ci potrebbe essere la concreta possibilità che il corpo militare non sia presente in loco, attesa la scarsa fruibilità della struttura che li ospita. Maiorano, dal canto suo, congiuntamente al suo staff, si sta impegnato a far sì che ciò non accada, fornendo anche importanti rassicurazioni in tal senso: “Il territorio non si può assolutamente permettere la possibilità di perdere una stazione dei carabinieri in Latiano – dice il sindaco – sicuramente, dove è allocata adesso la caserma, è un immobile vetusto e per ristrutturarlo degnamente ci vorranno 450mila euro e Latiano non si può permettere di spendere questa cifra. Pertanto, c’è la necessità di destinare alla caserma una sede dignitosa. La collocazione, molto probabilmente, l’abbiamo individuata e la renderemo pubblica a giorni. I cittadini stiano tranquilli – promette – i carabinieri rimarranno a Latiano”.

Infine, Cosimo Maiorano ha voluto illustrare i traguardi raggiunti dall’attuale amministrazione, che vanno dal rientro del patto di stabilità, alla ristrutturazione del Palazzo dei Domenicani, passando per l’intercettazione dei fondi per l’efficientamento energetico delle scuole elementari, finendo con espulsione dell’amianto dal territorio latianese.

Un lavoro, tutto questo, che, se effettivamente ben svolto e portato a termine, potrà ridare alla zona nuova linfa, per il territorio in sé e per i cittadini.





Questa è un'intervista pubblicata il 02-02-2016 alle 17:50 sul giornale del 03 febbraio 2016 - 1848 letture

In questo articolo si parla di carabinieri, politica, intervista, Tommaso Lamarna, latiano, cosimo maiorano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/atds