Brindisi: arresto sindaco Consales, ecco perché i brindisini pagano la Tari più alta d'Italia

06/02/2016 - Questa mattina il primo cittadino di Brindisi Mimmo Consales è stato raggiunto da ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip su richiesta della Procura della Repubblica. Altre due ordinanze hanno interessato l’imprenditore Screti, nonché responsabile della ditta Nubile e il commercialista Vergara con successivo sequestro dell’impianto di biostabilizzazione.

Le ipotesi di reato  contestate sono: concorso con corruzione continuata,  frode in pubbliche forniture, truffa aggravata ai danni di un ente pubblico e gestione abusiva di una discarica. A far luce su quanto accaduto,  il Procuratore Capo Dott. Dinapoli, il Questore Gentile, i pubblici ministeri De Nozza e Toscani ed il dirigente della Digos Borrelli.  Un lavoro investigativo lungo e dettagliato  reso possibile  grazie alla documentazione acquisita dalla Digos e una prova dichiarativa (cioè su persone informate sui fatti). Sotto il profilo tecnico si è fatto ricorso ai tabulati telefonici da cui è emerso il riscontro oggettivo tra le interrogazioni e successive perquisizioni. Tutto ha origine dalla News, agenzia di informazioni – spiega Dott. Dinapoli - cui fu prorogato il contratto da parte del Comune di Brindisi, a parere del Pm, questa azione celava atti di abuso d’ufficio perché c’era cointeressenza tra chi la aveva concessa e chi gestiva l’agenzia.

Così la Digos è andata ad analizzare la situazione economica del signor Consales. E’ emerso, pertanto, una situazione debitoria nei confronti del Fisco abbastanza pesante. La prima rata di questo debito era stata pagata da un dipendente di Equitalia, secondo modalità irregolari; questa persona – continua il Procuratore - aveva versato sul suo conto corrente una somma in contanti, circa 6600 euro, trasferita successivamente con assegno circolare per quietanzare la rata del debito di Consales.  Secondo gli investigatori , questa manovra nascondeva qualcosa di illecito, pertanto si è deciso di approfondire. Gli accertamenti si sono spostati su altri pagamenti sempre per quietanzare il debito, ossia sei rate. L’ultimo versamento, è stato eseguito dallo stesso Consales in uno degli uffici postali.

I cc del Signor non giustificavano un movimento di denaro tale da consentire il pagamento di questi rati. Parte l’indagine – afferma Dinapoli - per verificare da dove provenissero questi soldi. Balzano da subito agli occhi i contatti tra Consales  e persone legate alla Nubile.  Infatti il signor Screti e Vergara avevano nel tempo stretto “amicizia” con il primo cittadino e spesso erano a colloquio per questioni riguardanti il biostebilizzatore di contrada Pandi. A seguito di perquisizioni presso l’azienda è  stato trovato un progetto, salvato sul computer, elaborato dalla Nubile ma firmato e inviato alla Regione Puglia dal Comune di Brindisi. Inoltre,  la stessa azienda non aveva mai azionato un impianto per tecniche ormai superate, quindi non a norma di legge, (ossia  a ciclo uniti per biostabilizzare i rifiuti).  Insomma, necessitavano soldi e garanzie, ma entrambi latitavano in contrada Pandi. Solo la Daneco, azienda del milanese, si è offerta garante nonostante una segnalazione antimafia. Ed ecco entrare in gioco Consales che, non solo ignora la segnalazione, ma successivamente firma un’ordinanza urgente affinchè l’impianto entrasse in funzione.

La Nubile  - concluede il Dottore -  riusciva così a trattenere molto materiale umido e quindi non smaltito, i rifiuti divenivano sempre più, sminuzzati male, in modo tale che, arrivati al setaccio, aumentassero di peso. Tutto questo per riempire le casse dell’azienda ,3 milioni e 200 mila solo nell’anno 2014.

Ecco spiegata la Tari più alta di tutta Italia. A pagare, ancora una volta, i brindisini che si ritrovano senza sindaco, cassonetti stracolmi e tasche sempre più vuote.





Questo è un articolo pubblicato il 06-02-2016 alle 17:09 sul giornale del 07 febbraio 2016 - 1831 letture

In questo articolo si parla di arresti, rifiuti, politica, brindisi, articolo, orsola tasso, Consales, nubile

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/atnY