Elezioni Brindisi, Simona D'Astore: " A proposito delle primarie"

11/04/2016 - Nella giornata di ieri (10 aprile) abbiamo assistito all’ultimo atto dell’opera buffa che si sta portando avanti nel panorama della politica Brindisina infatti, dopo le primarie, il candidato Sindaco di non si sa bene quale Centro Moderato di Destra, pare dovrebbe essere Angela Carluccio.

Prendiamo quindi atto di una operazione mirabilmente condotta dell’imprenditore Massimo Ferrarese infatti, ai più avveduti non sarà sfuggita la perfetta operazione scaltramente condotta dal nostro prode: prima organizza una pseudo rottura in due tronconi del suo NCD, portando una frangia ad appoggiare la candidatura di Marino, alla presentazione della quale, per sancire il patto, invia nientemeno che, l’inconsapevole Segretario Prov.le Ciro Argese, mandando così il suo cavallo di Troia, all’interno delle linee nemiche o pseudo tali e quindi primo brillante passo.
In seconda battuta, circuisce i rappresentanti di questo Centro moderato di Destra minore, Fitto compreso proponendo come sua candidata alle primarie dello stesso schieramento, la sua pupilla Carluccio (assoluto rispetto per la donna e per la professionista); ovviamente fa un sol boccone del candidato Boccuni e del giovane Guadalupi, sponsorizzato dallo stesso Fitto, dal Senatore Zizza e dall’agnello sacrificale Attorre neo segretario o presidente Pr.v.le deI COR che paga oggi, lo sgarro compiuto tempo addietro nei confronti di chi non avrebbe voluto si candidasse al Consiglio Prov.le; personaggi quindi che ovviamente appaiono veramente delle verginelle di primo letto, di fronte all’arguzia di Ferrarese che oggi li ha fagocitati e ridotti all’impotenza politica intrappolandoli nel suo gioco.
Il risultato brillante adesso qual è? Se dovesse vincere Marino, Ferrarese sarebbe comunque al governo con il suo NCD, se dovesse vincere il Centro Destra, minore o maggiore non farebbe differenza, lui sarebbe comunque nella stanza dei bottoni o con il suo Sindaco, ossia l’Avv.to Carluccio o con la stessa quale consigliere di spicco perché, ovviamente, in seconda battuta, tutto il Centro Destra si coalizzerebbe per aumentare le chance di vittoria.
Quindi come risultato di tutto ciò, l’imprenditore Ferrarese, continuerebbe a gestire tutta l’economia imprenditoriale Brindisina, come più o meno ha fatto fino ad oggi.
Adesso capito chi è stato il grande manovratore di questa fase preliminare? Tutti gli altri solo piccole pedine di inconsistenza politica madornale, tranne il grande Presidente Emiliano che sicuramente, non poteva non sapere!!!
Fortunatamente le cose andranno in maniera diversa, perché Brindisi non può e non deve essere più terra di conquista per nessuno, i Brindisini decreteranno la fine di queste operazioni machiavelliche….il 5 giugno.

da Simona Pino d'Astore 

( Candidato sindaco di Brindisi)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-04-2016 alle 16:23 sul giornale del 12 aprile 2016 - 1646 letture

In questo articolo si parla di elezioni, politica, brindisi, Simona Pino d'Astore

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/avLo