Porto di Brindisi: sequestro di giocattoli contraffatti e pile elettriche

14/04/2016 - Nell’ambito dei potenziati servizi di vigilanza operati all'interno dell'area portuale, militari della Guardia di Finanza in forza al Gruppo Brindisi, unitamente a funzionari dell'Agenzia delle Dogane, hanno individuato un “trailer” diretto a Roma presso l’attività commerciale gestita da un imprenditore cinese.

Dopo un primo riscontro documentale, si è proceduto al controllo fisico di tutta la merce trasportatache ha evidenziato la presenza di: 4.360 giocattoli contraffatti, riproducenti noti personaggi, protagonisti di pellicole cinematografiche di successo e serie televisive, 50.400 generatori di corrente (pile elettriche), privi di etichettatura.

All’esito di tali attività, si è proceduto al sequestro penale, per Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi e amministrativo, per aver introdotto sul mercato pile elettriche prive di etichettatura, occultandone l’esistenza agli enti preposti alla gestione di tali rifiuti speciali.

Il responsabile, un cittadino cinese, è stato denunciato, a piede libero, all’Autorità Giudiziaria.

La contraffazione ed il commercio di prodotti non genuini ed insicuri danneggiano il mercato, sottraggono opportunità e lavoro alle imprese che rispettano le regole, mettono in pericolo la salute dei consumatori.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-04-2016 alle 16:38 sul giornale del 15 aprile 2016 - 1021 letture

In questo articolo si parla di porto, cronaca, sequestro, brindisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/avS8