Furto di metalli all'interno dell'ex Base Usaf: arrestati cinque brindisini

18/04/2016 - Si introducevano all’interno dell’ex base USAF depredando metalli di ogni genere e in particolare rame e recinzioni.

Sono stati scoperti e arrestati questa mattina dai Carabinieri della Compagnia di Brindisi che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Brindisi su richiesta della locale Procura della Repubblica - nei confronti di 5 ritenuti responsabili di concorso in furto continuato aggravatoLe indagini, svolte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, erano partite nel maggio 2015, a seguito di un grave atto intimidatorio commesso quel sabato 9, in pieno giorno all’interno della ditta “Eco Semeraro s.r.l.”, che si occupa della raccolta e rivendita di materiale ferro. in quella circostanza alcuni individui, rimasti ignoti, a bordo di un’auto si erano introdotti della ditta e avevano esploso numerosi colpi di arma da fuoco. L’attività, conclusa ad agosto 2015, ha consentito di accertare che l’atto intimidatorio era stato voluto per punire il titolare della ditta colpevole di aver rifiutato di acquistare una partita di metalli di dubbia provenienza.

I carabinieri hanno così potuto scoprire tre episodi di furto aggravato commessi dagli indagati all’interno dell’ex base USAF di San Vito dei Normanni (Br) e recuperare un ingente quantitativo di rame asportati all’interno della ex struttura militare. Sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, tutti brindisini, Antonio Rillo, 24enne nato Brindisi, Paolo Rillo, 25enne , Francesco,Rillo, 24enne, mentre sono stati sottoposti all’obbligo di diimora, Andrea,Rillo, 31enne nato e Salvatore Balestra, 28enne.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-04-2016 alle 09:42 sul giornale del 19 aprile 2016 - 2158 letture

In questo articolo si parla di cronaca, furto, brindisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/avZc