Simona D'Astore sull'ordinanza di divieto di balneazione

23/05/2016 - In merito all’ordinanza del Commissario Castelli, inerente il divieto di balneazione e accesso su diverse aree del litorale nord, e’ opportuno chiarire che la stessa non riguarda solo il tratto di mare a ridosso del canale di scolo delle acque di dilavamento dell’aeroporto ma riguarda vaste aree già mappate nel 2011, interessate dal fenomeno di erosione della costa con grave rischio di crollo della falesia e quindi con serio pericolo per l’incolumità pubblica.

Tali aree furono recepite nel 2015 dall’amministrazione comunale ed il Sindaco Consales, a maggio dello stesso anno, emano’ apposita ordinanza di interdizione per quelle aree. Nonostante successivamente siano stati effettuati lavori di consolidamento in diversi tratti costieri, non vi è più stata, a causa delle note vicende, una rimappatura delle aree in questione, pertanto, il commissario prefettizio, non ha potuto fare altro che riproporre l’ordinanza per le stesse aree.

Appare di tutta evidenza che, la prossima amministrazione, dovrà, compatibilmente con i tempi tecnici, rideterminare il tutto, modificando eventualmente l’attuale ordinanza.

Va anche precisato che, nell’ordinanza, è detto chiaramente che i titolari dei vari lidi interessati, dovranno attivarsi per creare dei passaggi delimitati e protetti, onde consentire l’accesso alle spiagge e al bene mare che, pertanto, resterà comunque fruibile nelle zone di pertinenza.

Detto ciò appare chiaro che ogni presa di posizione populista e gratuita, e’ assolutamente fuori luogo.


da Simona Pino d'Astore 

( Candidato sindaco di Brindisi)




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-05-2016 alle 15:43 sul giornale del 24 maggio 2016 - 1040 letture

In questo articolo si parla di politica, balneazione, brindisi, divieto, Simona Pino d'Astore

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axeD