Brindisi, M5S: "Concessione Grimaldi e Autorità Portuale. Emiliano ascolti i cittadini"

28/06/2016 - Nella mattinata del 27 giugno si è tenuto, presso Palazzo Nervegna, su invito del Sindaco Angela Carluccio, un tavolo di confronto per analizzare l’iter della riforma della portualità. All'incontro, oltre al sottoscritto e ai neoconsiglieri comunali M5S Stefano Alparone - Portavoce M5S e Elena Giglio - Portavoce M5S, erano presenti il Senatore Vittorio Zizza (COR), il consigliere comunale Riccardo Rossi (Brindisi Smart), Il Presidente dell’ASI Marcello Rollo; CGIL, CISL, UIL, UGL, CNA, Camera di Commercio e alcuni Operatori portuali.

In apertura di lavori, abbiamo ritenuto opportuno, riportare all'attenzione di tutti la questione legata alla prossima riunione del Comitato Portuale, nel corso del quale si delibererà sulla richiesta di concessione ventennale da parte della compagnia di navigazione Grimaldi. Abbiamo ribadito ancora una volta come a nostro giudizio sia opportuno rinviare la seduta e abbiamo altresì ribadito le nostre perplessità non in merito alla presenza della Grimaldi nel porto di Brindisi, quanto in merito alle modalità con le quali si giunge ad una concessione in esclusiva delle banchine. Il sindaco ha preso atto di questa volontà ed ha promesso che entro il 27 giugno avrebbe chiesto formalmente il rinvio della sedut del Comitato Portuale.

Ci chiediamo come possa essere possibile che il Presidente Emiliano possa affidare possa affidare una questione tanto delicata con importanti ricadute sul territorio brindisino, ad un suo delegato all'interno del Comitato Portuale, l’avv. F. Mastro, che ad oggi non ricopre neabche un ruole nell'apparato regionale.

In merito alla questione accorpamento dell'Autorità Portuale di Brindisi conla nuova autorità di sistema di Taranto o di BARI, a noi non importa stare da una parte o dall'altra, ma è fondamentale che la riforma della portualità sia una riforma efficace, orientata alla sviluppo dell'intero comparto regionale, a differenza di quanto avvenuto con la prima riforma Delrio, ovvero il disastro sul riordino delle provincie.

Purtroppo il sindaco Carluccio non ha invece espresso alcuna posizione in merito alla concessione, nonostante le sollecitazioni pervenute da molti, adducendo come motivazione la non conoscenza in dettaglio della questione. Ci pare poco confortante questa motivazione dal momento che questa specifica questione va avanti dal 2014, anno in cui l'On. Diego De Lorenzis Portavoce M5S presentò un’interrogazione al ministro di cui, purtroppo, attendiamo ancora oggi risposta.


da Movimento Cinque Stelle di San Benedetto del Tronto




Questo è un articolo pubblicato il 28-06-2016 alle 09:53 sul giornale del 29 giugno 2016 - 1668 letture

In questo articolo si parla di economia, Comune di San Benedetto del Tronto, brindisi, Autorità portuale, movimento cinque stelle, movimento cinque stelle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ayBP