Autorità Portuale, Zizza: “Brindisi non può essere sempre la cenerentola del Sud, il Decreto Delrio deve essere rivisto”

29/06/2016 - “L’Autorità Portuale di Brindisi rappresenta una risorsa per lo sviluppo del territorio non può essere ridotta a una succursale. Fa bene la sindaca, Angela Carluccio, a interpellare il Ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, e al governatore della Puglia, Michele Emiliano.

Il Decreto va rivisto nell’interesse di questo territorio troppe volte penalizzato dalle scelte del governo centrale” così il senatore dei Conservatori e Riformisti, Vittorio Zizza, interviene sulla riforma delle Autorità Portuali che vedono quella di Brindisi annessa all’Autorità di Sistema portuale del mare Adriatico meridionale, con sede a Bari.

“In questa scelta il governo non ha in alcun modo chiesto l’opinione del territorio- prosegue Zizza- è giusto che ora dia la possibilità di una moratoria che consenta agli enti ed alle istituzioni locali di individuare una strategia utile a limitare i danni di questa riforma”.

“I Conservatori e Riformisti restano al fianco del territorio e faranno sentire la loro voce – conclude il senatore dei Cor- affinchè si trovi una soluzione che venga incontro alle esigenze di tutti in primis di questa città quale potrebbe essere l’annessione a una delle due Autorità di Sistema portuale pugliesi, Bari e Taranto”.


da Vittorio Zizza
Senatore Conservatori Riformisti




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-06-2016 alle 08:36 sul giornale del 30 giugno 2016 - 1209 letture

In questo articolo si parla di economia, brindisi, Autorità portuale, Conservatori Riformisti, Vittorio Zizza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ayD1