Sentenza Corte di Giustizia mette a rischio 30mila imprese, Cna:"Immediata soluzione"

20/07/2016 - La scorsa settimana la Corte di Giustizia Unione Europea si è pronunciata sulla proroga automatica delle concessioni balneari decretata dal Parlamento italiano nel 2012, esprimendo un parere negativo che ha rimesso in discussione la partita delle concessioni, rischiando di compromettere l'attività di 30.000 imprese del settore.

Nonostante il verdetto negativo, la Cna di Brindisi si ritiene fiduciosa circa la risoluzione della questione, anche in virtù del Decreto legge Enti Locali presentato alla Camera da Antonio Misiani, che garantisce la validità delle concessioni balneari attualmente in vigore, configurandosi come una legge "di passaggio", votata a mettere ordine nel corpus giuridico in materia di concessioni demaniali marittime, garantendo sia la tutela delle imprese che il rispetto della normativa europea.

La Cna di Brindisi ritiene che la direttiva Bolkestein, la legge che prevede la liberalizzazione delle concessioni demaniali marittime con un affidamento tramite gara pubblica, necessiti di una contestualizzazione italiana che, fermo restando l'imprescindibilità della gara pubblica quale strumento trasparente e virtuoso, si concretizzi prima di tutto in una fase di transizione giuridica, necessaria per armonizzare le leggi italiane con la direttiva europea e che possa, inoltre, delle tutelare le imprese già esistenti; imprese che, in virtù del decreto del Parlamento italiano del 2012, hanno sostenuto degli investimenti legati alla programmazione della propria attività.

La sentenza della Corte di Giustizia Unione Europea lascia comunque aperti degli spiragli, poiché riconosce due aspetti giuridici determinanti: spetterà al Giudice italiano valutare se le concessioni dovranno essere oggetto di un numero limitato di autorizzazioni ed inoltre si stabilisce che, qualora in fase di affidamento sia stato rispettato il principio della pubblica evidenza, è possibile procedere con la tutela della concessione in capo all'impresa balneare interessata.

Alla luce della complessità della questione e dell'impatto che la direttiva Bolkestein avrà su un territorio a forte vocazione marittima e turistica quale è quello della provincia di Brindisi, la CNA di Brindisi ha in programma l'organizzazione di un incontro con le aziende del settore, per fornire un quadro chiaro del "labirinto" giuridico venutosi a creare nel corso di questi anni.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-07-2016 alle 11:03 sul giornale del 21 luglio 2016 - 1149 letture

In questo articolo si parla di economia, imprese, cna, brindisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/azpk