Basket, Cestistica Ostuni inarrestabile, Francavilla cade nel fortino del PalaGentile

13/12/2016 - Il PalaGentile continua a dimostrarsi sempre più un fortino difficile da espugnare per la Cestistica Ostuni, che sul suo campo batte anche Francavilla e sale a 24 punti, con 12 vittorie su 16 partite (7 casalinghe su 8, tranne il ko contro l’Udas Cerignola).

Un derby combattutissimo ma vinto, e bene, dai ragazzi di coach Capozziello, protagonisti di una partita dai mille volti, con un avvio devastante (22-8 a fine primo quarto, 33-10 a metà del secondo), un terzo periodo difficile e un finale in crescendo, e senza quasi mai perdere la bussola nonostante un arbitraggio discutibile.

Migliore in campo tra i gialloblù Francesco Teofilo, che ha mostrato una prestazione da vero leader, un primo quarto super (10 punti e 3 assist nei primi 10’, 16 punti in totale) e senza mai uscire dal campo: in una serata in cui i gialloblù dovevano rinunciare a Tommaso Manchisi, a referto per onor di firma ma fermato da un infortunio, era importante metterci il massimo impegno e sacrificio da parte di tutti, e nessuno si è risparmiato.

Una vittoria era fondamentale per tenere ancora il passo delle prime, e vittoria è stata nonostante il periodo non facile, dopo il successo di giovedì contro Ruvo arrivato senza brillare, ma soprattutto per via dei tanti infortuni e acciacchi, influenza compresa, che da un paio di settimane avevano complicato il lavoro di staff tecnico e squadra. Contro i biancoblù di coach Di Pasquale, la Cestistica ha messo in campo un approccio esemplare e un animus pugnandi degno di un derby: di fronte c’era una delle squadre più in forma dell’intero campionato, che veniva da un filotto di 4 vittorie nelle ultime 5 partite (unica sconfitta, in casa contro la capolista Udas).

Non bastassero gli avversari, Tanzarella e compagni hanno dovuto combattere anche contro il nervosismo per un arbitraggio oggettivamente insoddisfacente: sorvoliamo sugli episodi e la prendiamo con ironia, ma vedere il nostro paciosissimo addetto agli arbitri punito con un fallo tecnico, colpevole del peccato mortale di aver messo le mani nei capelli dopo l’ennesimo fischio insensato, fa sorridere. Così come l’espulsione dei nostri addetti alle statistiche. Ma la prendiamo con ironia, sebbene non crediamo basti l’ironia per pagare le multe che senza dubbio fioccheranno ai danni della società dopo quanto accaduto in campo.

Fortunatamente i nostri ragazzi hanno dimostrato un carattere e una forza d’animo superiori anche a difficoltà di questo tipo, aggiudicandosi due punti fondamentali. Domenica ci aspetta la trasferta più lunga della stagione, alla Omnisport di Vieste contro una Sunshine in salute: nonostante il lungo stop del suo leader Nick Neal, i foggiani vengono da due vittorie di fila, tra cui l’ultima sul difficile campo di Altamura. Dopo la partita in casa contro Manfredonia di giovedì 22, con la pausa natalizia sarà tempo di meritato riposo, e anche e soprattutto di bilanci, in una stagione iniziata come povera di aspettative, e che invece si sta dimostrando ricca di soddisfazioni.

 

D. TANZARELLA (PRESIDENTE): “Siamo partiti benissimo, nel primo quarto siamo andati subito in vantaggio di 14 punti e nel secondo se non sbaglio anche di 23. Poi è successo che abbiamo perso un po’ di lucidità, mentre il Francavilla ha avuto il merito di metterci in difficoltà con zona e pressing a tutto campo: i ragazzi devono ancora comprendere fino in fondo come riuscire a soffrire di meno il pressing e come attaccare la zona facendo girare la palla in maniera più veloce”.

“Dobbiamo cercare soprattutto di giocare tutti insieme, perché quando smettiamo di farlo la squadra si affida troppo alle giocate individuali o agli episodi, e in questo modo è difficile vincere. La partita è stata molto tirata, il Francavilla era una delle squadre più in forma in questo periodo e siamo molto soddisfatti di averli battuti, soprattutto perché oltre alla tecnica ci abbiamo messo anche il cuore e l’impegno fino alla fine”.

“In questa fase abbiamo altre tre o quattro partite più abbordabili, fino allo scontro diretto a Cerignola contro la capolista, ma nello sport in generale e in questo campionato in particolare è difficile trovare partite facili, non esistono gare già vinte: ci vorrà grande concentrazione e impegno ogni domenica su ogni campo per continuare ad essere protagonisti”.

“Il palazzetto vivo e caloroso? Voglio ringraziare chi viene ogni domenica a sostenere questa squadra, e vorrei ringraziare anche chi non viene, nella speranza che anche chi è assente si avvicini alla Cestistica Ostuni, perché questi ragazzi hanno bisogno di grande sostegno da parte del pubblico per arrivare fino in fondo: se non succedono cose strane, saremo protagonisti fino alla fine in questo campionato, peraltro vorrei ricordare che alla fine della prima fase ci sono i playoff, quindi mi auguro di poter dare alla città di Ostuni lo spettacolo che merita, come ai bei tempi che abbiamo già vissuto e che speriamo di rivivere”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-12-2016 alle 10:13 sul giornale del 14 dicembre 2016 - 533 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, francavilla, cestistica ostuni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aEAk