Il serpente gigante preistorico: il Titanoboa

1' di lettura 19/05/2020 - Antenato dei rettili che oggi conosciamo, questo bestione misurava circa 15 metri di lunghezza.

Circa 60 milioni di anni fa, il nostro pianeta Terra, come tutti sappiamo, era abitato dai dinosauri, e dopo la loro estinzione, la natura ha dato possibilità di vita anche ad altri esemplari altrettanto terrificanti come il Titanoboa. E' l'esemplare di serpente più grande mai esistito, lungo 15 metri e pesava circa 1.100kg. Se fosse ancora vivo, sicuramente non dormiremmo sonni tranquilli.

Il suo metodo di procacciarsi le prede, era simile al noto Boa, e infatti proprio come lui, il Titanoboa non era velenoso e non usava i denti, ma stritolava e schiacciava le prede.Per lui non era un problema divorare un coccodrillo. In Colombia sono state ritrovate 28 vertebre di Titanoboa, e i ricercatori affermano che, nei tempi in cui viveva questo rettile-mostro, la temperatura doveva essere di circa 34°, ed è per questo che un clima così caldo ha permesso a questa specie rettile di evolversi in maniera esorbidante, rispetto ai serpenti odierni, dal momento che i rettili in genere sono "Ectotermici", e ciò significa che la temperatura corporea dipende dall'ambiente esterno.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-05-2020 alle 21:47 sul giornale del 20 maggio 2020 - 159 letture

In questo articolo si parla di cultura, serpente, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bl2v