La piscina è più sicura del mare contro il Covid - 19?

1' di lettura 19/05/2020 - Per divertirsi in acqua si sa, c'è chi predilige il mare e chi la piscina. Ma ci può essere una differenza tra le due mete per contrastare il Covid-19?

Con le temperature in continuo aumento, e l'affacciarsi della tanto bramata estate, dopo il freddo e forzato periodo di quarantena, la gente si chiede quale meta, tra il mare o la piscina sia più idonea al contrasto del Covid. Una domanda che nasce spontanea, viste tutte le precauzioni e le attenzioni che noi tutti siamo dovuti a rispettare. Ma ci sono alcune distinzioni da fare:

Disinfettare le spiagge non è una cosa fattibile perchè si rischia solo di danneggiare (ulteriormente) l'ambiente, mentre nelle piscine la disinfezione è d'obbligo. Quindi si può evincere che a prescindere dalla meta scelta per vacanzare, il distanziamento in acqua sia in mare che in piscina, è imprescindibile, inoltre gli studiosi affermano che il disinfettante presente nelle acque delle piscine, renderebbe il virus inattivo, così come l'acqua del mare, grazie alla forte presenza di sale, neutralizzerebbe la carica virale, come anche il forte caldo e i raggi ultravioletti.

Per cui si precisa che a detta degli esperti, il modo di trasmissione del Covid-19 resta quello delle secrezioni respiratorie e il contatto diretto tra le persone. Potete star tranquilli: il virus non potrà farvi rinunciare ad una bella nuotata rigenerante!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-05-2020 alle 19:07 sul giornale del 20 maggio 2020 - 158 letture

In questo articolo si parla di attualità, piscina, comunicato stampa, covid-19

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bl2p