Contro la pandemia della droga il vaccino si chiama programma Narconon.

spaccio droga delinquenza 2' di lettura 26/06/2020 - In questo difficile situazione pandemica mondiale ci si è un po’ scordati di un’altra radicata e diffusa pandemia: la droga.

Non c’è infatti nazione al mondo che non debba fare i conti con questa triste realtà diffusa in ogni ceto sociale, età e sesso e che miete costantemente vite, soprattutto in questi ultimi anni con l’introduzione sul mercato di una potente droga sintetica: il fentanyl.
Secondo i risultati del Rapporto mondiale sulla droga del 2019 dell’ONU sono quasi 600 mila i morti nell’anno di riferimento (2017) per l'abuso di sostanze, sia per cause direttamente associate al consumo, in particolare per overdose, sia per condizioni indirettamente legate alla loro somministrazione, come l'HIV o l'epatite C, contratti attraverso siringhe infette.
Si è stimato che le morti direttamente legate al consumo di droghe sono aumentate del 60% dal 2000 al 2015 e per la maggior parte legate al consumo di oppiacei.
Per giunta oggi per fronteggiare le paure, angosce e fobie scatenate da questa “quarantena” è aumentato in modo esponenziale pure l’uso non clinico di psicofarmaci, ottenuti anche tramite canali illegali.
Oggi, 26 giugno, Giornata mondiale contro l'abuso e il traffico illecito di stupefacenti indetta dall’ONU il 7 dicembre 1987 abbiamo il dovere civico e morale di non restare indifferenti di fronte a questa drammatica piaga sociale.
Tutte le comunità Narconon presenti in molti paesi del mondo e in particolare in Italia con 8 centri, intendono onorare questa giornata con diverse iniziative indirizzate a sensibilizzare le persone sui pericoli derivanti dall’assunzione di sostanze psicotrope e sulla fondamentale importanza della prevenzione.
Anche in questo periodo di quarantena le comunità Narconon, adottando le necessarie misure di sicurezza, hanno continuato ininterrottamente la loro opera riabilitativa salvando centinaia di persone dalla tossicodipendenza.

I centri Narconon sono da anni impegnati nella riabilitazione di coloro che abusano di droga e alcol utilizzando una valida metodologia basata sulle ricerche dell’educatore statunitense L. Ron Hubbard. Inoltre sono attivi in campagne educative di prevenzione nelle scuole con lo scopo di accrescere negli studenti una maggiore consapevolezza e responsabilità.
Chi volesse ricevere maggiori informazioni, brochure o organizzare conferenze di prevenzione può contattare la comunità Narconon Gabbiano di Torre dell’Orso allo 0832.841856 o a info@narconongabbiano.it


di Gino Latino

redazione@viverepuglia.it  





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-06-2020 alle 16:07 sul giornale del 27 giugno 2020 - 226 letture

In questo articolo si parla di attualità, droga, bari, spaccio, lecce, Taranto, foggia, brindisi, giornata mondiale, puglia, delinquenza, bat, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bpbG