Coldiretti Puglia, settore della ristorazione in difficoltà: perdita di circa 150 milioni di euro

mensa urbino 1' di lettura 20/07/2020 - Secondo una stima fatta da Coldiretti Puglia, il crack delle attività di ristorazione, avrebbe subìto una perdita di circa 150 milioni di euro

Secondo una stima di Coldiretti Puglia, fatta sul crack delle attività di ristorazione, fra cui bar, trattorie, pizzerie e agriturismi, ci sarebbe un calo del 40% dei consumi di pranzi e cene fuori, con una perdita del fatturato di circa 150 milioni di euro, per mancati acquisti di cibi e bevande.

La Coldiretti spiega che la drastica riduzione dell'attività sarebbe causata in particolare, dalla mancata vendita di molti prodotti agroalimentari, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura, dai salumi ai formaggi. E sempre secondo Coldiretti, nei settori come quello ittico e vitivinicolo, la ristorazione rappresenta addirittura il principale canale di commercializzazione per fatturato.

Il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia, difatti avrebbe dichiarato: "Bisogna dare risposte certe e concrete alla grande perdita subìta proprio dai vini di qualità. La lenta ripresa di ristoranti e alberghi era un appuntamento molto atteso dagli operatori di un settore dal quale nascono, dalla vigna alla tavola, prodotti apprezzati ed esportati in tutto il mondo, con un risvolto occupazionale importante. Il Puglia Igt, crea 16,5 milioni ore di lavoro all'anno, con un altro vitigno pugliese al decimo posto della top ten nazionale, il Castel del Monte Doc, con 9,4 milioni di ore lavorate nella provincia di Bari".


di Angy Trix
redazione@viverepuglia.it





Questo è un articolo pubblicato il 20-07-2020 alle 12:03 sul giornale del 21 luglio 2020 - 201 letture

In questo articolo si parla di attualità, coldiretti, bari, lecce, Taranto, foggia, brindisi, ristorazione, crisi, puglia, articolo, bat, covid-19

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bq6c