Coronavirus Puglia: dalla Cina materiale per produrre mascherine e 90mila tute

1' di lettura 06/09/2020 - Dalla Cina sarebbero arrivate circa 57,4 tonnellate di materiale per produrre mascherine e tute, affinché la Regione Puglia possa far fronte all'emergenza Coronavirus.

Dall'aeroporto di Shangai, con un volo Cargolux -Boeing 747 Freighter- sarebbero arrivate a Bari-Palese, circa 57,4 tonnellate di materiale per produrre mascherine chirurgiche del tipo FFP2 e FFP3, e in più 90mila tute protettive. Questo sarebbe il sesto volo programmato dalla Protezione Civile per affrontare l'emergenza Coronavirus in Puglia.

Il materiale importato dalla Cina per la produzione delle mascherine comprenderebbe: "Melt blown", cotone, elastici, tessuti e nastri. Le mascherine saranno assemblate da macchinari appositi già acquisiti e funzionanti, nella fabbrica pubblica della Protezione Civile regionale di Via Corigliano a Bari.

Il dirigente della sezione Protezione Civile, Mario Lerario, avrebbe dichiarato: "Gli acquisti rientrano tra quelli decisi dalla Regione anche grazie alla collaborazione tra la Regione Puglia, l'ambasciata italiana a Pechino, le autorità cinesi e il ministero del commercio estero cinese".


di Angy Trix
redazione@viverepuglia.it





Questo è un articolo pubblicato il 06-09-2020 alle 15:35 sul giornale del 07 settembre 2020 - 171 letture

In questo articolo si parla di cronaca, cina, bari, lecce, Taranto, foggia, brindisi, puglia, regione puglia, articolo, bat, coronavirus, mascherine, tute protettive, materiale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bu0a