Brindisi: morto uomo aggredito con l'acido dalla moglie

1' di lettura 09/09/2020 - L'uomo aggredito con l'acido dalla moglie, lo scorso 3 agosto, è deceduto dopo oltre un mese di agonia.

Un uomo di 52 anni, aggredito da sua moglie con l'acido durante una lite, lo scorso 3 agosto, è deceduto nella serata di ieri 8 settembre, dopo oltre un mese di agonia.

L'uomo era ricoverato in coma farmacologico all'ospedale Perrino di Brindisi, nel reparto Grandi ustionati. Le ustioni comprendevano circa l'80% del suo corpo. La moglie 53enne, era stata immediatamente arrestata con l'accusa di tentato omicidio. L'accusa che all'inizio era stata contestata, è stata successivamente riqualificata.

La donna dopo l'arresto, e dopo aver passato un breve periodo in ospedale per curare le ustioni riportate alle mani, per aver maneggiato la bottiglia dell'acido, era stata trasferita presso una struttura per soggetti con problemi psichici. Il pm aveva inoltre disposto per la 53enne una perizia psichiatrica. La coppia aveva due figli maggiorenni, e il malcapitato 52enne lavorava nel settore della sicurezza di un'azienda sita in provincia di Bari.

Le indagini sono state condotte dai poliziotti della Squadra mobile di Brindisi in collaborazione con il pm del tribunale di Brindisi, Francesco Carluccio.


di Angy Trix
redazione@viverepuglia.it





Questo è un articolo pubblicato il 09-09-2020 alle 13:28 sul giornale del 10 settembre 2020 - 242 letture

In questo articolo si parla di cronaca, bari, lecce, Taranto, foggia, brindisi, puglia, decesso, moglie, aggressione con acido, marito, articolo, bat, ospedale perrino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bvrj