Csarite (o zultanite): la gemma rara che cambia colore

1' di lettura 14/09/2020 - La pietra csarite (o zultanite) è una gemma rara, con un colore cangiante, e la sua estrazione viene fatta in una sola miniera al mondo.

La csarite (o zultanite) è una pietra rara e particolare, ed è una varietà di diasporo (e non diaspro) secondo i gemmologi. Questa pietra affascinante, viene estratta dall'azienda Milenyum Mining, proprietaria della sola ed unica miniera esistente, in Turchia, ed è il fattore che ne caratterizza la rarità, tanto amata anche dalle star di Hollywood.

La csarite fu scoperta solo all'inizio dell'Ottocento sui Monti Urali (Russia), una scoperta piuttosto recente, se consideriamo che la scoperta della maggior parte delle gemme conosciute, risale ad epoche remote tipo quella degli antichi Egizi o Maya.

La lavorazione di questa pietrà però, è particolarmente difficoltosa, difatti, solo una minima parte del suo materiale è utilizzabile per l'alta gioielleria. In scala di durezza Mohs, si classifica come una durezza abbastanza consistente, che va da 6,5-7.

Ha un colore cangiante, con tonalità che vanno dal verde kiwi al rosa purpureo, dal verde cachi al rosa bruno, dal chiaro champagne al giallo al cognac. Una csarite di caratura media e di buona qualità, può costare intorno ai 100-200 dollari al carato, toccando i 600-1000 dollari per pietre di caratura maggiore.

La maggior parte della csarite, viene sfaccettata da Stephen Kotlowski, Cristopher Wolfsburg e Rudi e Ralph Wobito. In Italia, alcune gemme di alta qualità sono state intagliate da Ottorino Invernizzi.


di Angy Trix
redazione@viverepuglia.it





Questo è un articolo pubblicato il 14-09-2020 alle 16:08 sul giornale del 15 settembre 2020 - 163 letture

In questo articolo si parla di attualità, bari, lecce, Taranto, foggia, brindisi, puglia, articolo, bat, gemma preziosa, csarite, rarità, colore cangiante

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bvX2