COPAGRI PUGLIA: PSR 2014/20, NELLA MISURA A SOSTEGNO DELLE AZIENDE COLPITE DALLA CRISI CORONAVIRUS DIMENTICATA LA ZOOTECNIA

3' di lettura 16/10/2020 - Battista, mancanza grave e incomprensibile; siamo disponibili a collaborare, ma serve un cambio di passo

“La Commissione europea ha destinato il 2% delle risorse del PSR 2014/2020 alle aziende agricole colpite dalla crisi Coronavirus; per la Regione Puglia tali risorse, destinate alla Misura 21, ammontano a circa 32 milioni, che stando a quanto emerso durante una videoconferenza tenutasi alla presenza dell’assessore regionale all’agricoltura Donato Pentassuglia, non saranno destinate alle aziende del comparto zootecnico”, sottolinea il presidente della Copagri Puglia Tommaso Battista.

“Pur esprimendo soddisfazione per il fatto che le sottomisure presentate interessino le aziende agrituristiche, del settore vitivinicolo e del comparto florovivaistico, non comprendiamo le ragioni della mancanza di sostegno in favore del settore zootecnico, che riteniamo assai grave”, prosegue il presidente.

“Il comparto zootecnico, infatti, è stato riconosciuto quale settore in difficoltà per l’emergenza della pandemia, proprio dalla Regione Puglia, che con la delibera 163/2020 ha stabilito che ‘a causa dei provvedimenti disposti dalla normativa emergenziale, il settore lattiero caseario, lato produzione, è stato sottoposto a un forte shock della domanda che, logicamente ha comportato un eccesso di produzione con conseguente crisi dei conferimenti e dei prezzi del latte prodotto dagli allevatori pugliesi’”, ricorda Battista.

“Per tali ragioni non comprendiamo il motivo di tale mancanza e facciamo notare che altre regioni, quali ad esempio la Calabria e il Veneto, hanno considerato la zootecnia un comparto che ha subito grandi difficoltà a causa della chiusura del comparto HoReCa e hanno previsto aiuti inserendo gli allevatori tra i soggetti fruitori della Misura 21. La Copagri Puglia procederà pertanto alla comunicazione scritta al Comitato di sorveglianza per rappresentare l’esigenza di sostenere il comparto zootecnico, considerato che le risorse comunitarie sono ingenti e che la Regione Puglia ha la necessità di spenderle”, osserva il presidente.

“Ancora una volta stiamo affannosamente rincorrendo le scadenze. I nostri bandi devono ancora essere pubblicati, quando altrove sono già chiusi o in scadenza, perché non dobbiamo dimenticare, che parliamo di un provvedimento che ha scadenza come spesa il 31 dicembre 2020, proprio per la sua eccezionalità e l’esigenza di dare ristoro alle imprese in modo rapido e semplificato. Diamo piena disponibilità all’assessorato per collaborare e superare le difficoltà che potrebbero presentarsi, ma contestualmente chiediamo un netto cambio di passo”, conclude Battista






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-10-2020 alle 16:39 sul giornale del 17 ottobre 2020 - 202 letture

In questo articolo si parla di attualità, aziende, Copagri, puglia, sostegno, comunicato stampa, coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/byOA