Covid, Zullo (FDI): “Da marzo gli scienziati consigliano i test rapidi a tappeto per fermare i contagi, ma la Regione continua a non farli”

2' di lettura 11/11/2020 - Dichiarazione del Consigliere regionale pugliese, Ignazio Zullo (FDI), sulla questione dei tamponi Covid rapidi

Dichiarazione del consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo:


“Il 29 marzo scorso - circa nove mesi fa, durante la prima pandemia – un gruppo di scienziati e ricercatori del Cnr, dell’Istituto di fisica nucleare, dell’Università di Camerino e di Ricmass (il Rome Internationale Center for materials scienze) aveva scritto al premier Conte sostenendo che l'epidemia si sarebbe potuta fermare in Italia anche in poco meno di un mese facendo molti test rapidi a tappeto. Il loro invito-monito era: ‘Bisogna seguire l'esperienza di Paesi democratici quali Corea, Giappone, Taiwan, Nuova Zelanda che hanno utilizzato test di massa, tracciabilità e isolamento dei contagiati fuori dai contesti familiari, perché è evidente che oggi i nuclei familiari sono il luogo per eccellenza della diffusione della patologia da Covid-19’.


Ma il Governo Conte solo il 29 settembre (sei mesi dopo, alla vigilia della seconda ondata) ha invitato le Regioni ad attivarsi con tamponi antigenici rapidi, la Puglia ha recepito la circolare governativa solo il 5 novembre, ma di fatto non risulta assolutamente attivata: i tamponi rapidi non si facevano e non si fanno.


Come consigliere regionale e come medico questo comportamento mi indigna sia nei confronti di un Governo che ha perso tempo e non ascoltato quegli scienziati che praticamente lo invitavano a mettere in pratica metodi sperimentati con successo in altri Paesi orientali (colpiti prima di noi dal Covid), ma molto di più nei confronti del duo Emiliano-Lopalco da me sollecitato fin dai primi giorni di ottobre a introdurre l'utilizzo massivo dei tamponi rapidi antigenici.

Ora Emiliano e Lopalco ci hanno portato in zona arancione perché è saltato il sistema di monitoraggio tamponamento e tracciamento e non hanno attuato il Piano Ospedaliero Covid. Siamo in una condizione in cui solo l'introduzione di tamponi a tappeto può salvarci dalla zona ‘rossa’ o può portarci in zona ‘gialla’, ma vedo con dispiacere che il duo Emiliano-Lopalco continua a non prestare ascolto”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-11-2020 alle 11:59 sul giornale del 12 novembre 2020 - 238 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione puglia, fratelli d'italia, comunicato stampa, covid 19, test rapidi, Ignazio Zullo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bBzH