Ostuni, cani nei parchi: la riammissione del Tar di Lecce

1' di lettura 02/02/2021 - Riammissione cani nei parchi: il Tar di Lecce ha condannato il Comune di Ostuni alle spese processuali

Il Tar di Lecce, avrebbe integralmente accolto il ricorso avanzato dall'Enpa (Ente nazionale protezione animali) e dall'Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) contro la delibera della Giunta del Comune di Ostuni, che dal 17 ottobre 2019 vietava l'accesso ai cani nei quattro parchi della città.

Le aree verdi in questione, sarebbero: villa comunale Sandro Pertini, Villetta Padre Pio, e le aree verdi di Piazza Genova e Piazza Torino, come riporta la Gazzetta del Mezzogiorno.

Il Comitato civico di "Io posso entrare", avrebbe quindi raccolto le prove sufficienti per annullare la delibera, organizzando inoltre una raccolta fondi per coprire le spese del ricorso dinanzi al Tar di Lecce.

Enpa ed Oipa hanno spiegato che la delibera in questione, "penalizzava oltre tremila proprietari di cani residenti ed era obiettivamente priva di fondamento. La sentenza che ha visto vittoriosi i difensori degli animali ribadisce i fondamentali principi costituzionali che abbiamo scandito fin dall’inizio della causa nel nostro ricorso: proporzionalità e adeguatezza delle sanzioni".

Affiancati ad Enpa ed Oipa, gli avvocati Francesco Sozzi del Foro di Brindisi e Giuseppe Calamo del Foro di Milano, che hanno dichiarato l'illegittimità della delibera che vietava l'accesso ai cani nelle quattro aree verdi ostunesi.

Infine, il Comune di Ostuni, è stato condannato dal Tar di Lecce alle spese processuali.


di Hazelnut
redazione@viverepuglia.it





Questo è un articolo pubblicato il 02-02-2021 alle 17:56 sul giornale del 03 febbraio 2021 - 120 letture

In questo articolo si parla di attualità, bari, cani, lecce, Taranto, foggia, brindisi, Enpa, puglia, parchi, OIPA, ricorso, articolo, bat, comune di ostuni, tar di Lecce

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bMgB