Alta Murgia, bracconiere spara cinghiali nel Parco mentre la figlia lo riprende: scatta la denuncia

1' di lettura 01/04/2021 - Il presunto bracconiere avrebbe esercitato l'attività venatoria in zona proibita

L'episodio di bracconaggio avrebbe avuto luogo all'interno del Parco dell'Alta Murgia, dove l'attività venatoria sarebbe proibita.

Un uomo di 45 anni di Spinazzola, avrebbe sparato con un fucile da caccia i cinghiali all'interno del Parco, mentre guidava l'auto. In macchina con lui, la figlia adolescente avrebbe video-ripreso il padre incitandolo durante l'abbattimento dei cinghiali.

Il video sarebbe diventato virale sui social, e sarebbe stato trasmesso anche dalle tv regionali, come riporta Ansa. Il 45enne sarebbe stato denunciato dai Carabinieri forestali di Ruvo di Puglia, per esercizio venatorio e uccisione di animali all'interno dell'area protetta.

La Procura di Trani, dopo l'identificazione del bracconiere, avrebbe disposto la perquisizione sequestrando un'arma compatibile con quella visibile nel video.


di Hazelnut
redazione@viverepuglia.it





Questo è un articolo pubblicato il 01-04-2021 alle 11:52 sul giornale del 02 aprile 2021 - 154 letture

In questo articolo si parla di cronaca, parco, bari, lecce, Taranto, foggia, brindisi, video, padre, puglia, bracconaggio, attività venatoria, figlia, articolo, bat, carabinieri forestali, proibita, alta murgia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bVx8