Cultura: “Il Fado perduto”, il nuovo libro del giornalista scrittore Giancarlo Esposto

4' di lettura 24/05/2021 - Dopo Sette piccole storie, dopo un book tour interrotto sul più bello, causa covid, lo scrittore e giornalista marchigiano Giancarlo Esposto torna con un romanzo, Il Fado perduto, edito dalla Ensemble di Roma.

Musica e letteratura vivono accanto all’amore, anzi gli amori – perché questa è una storia di amori – per il Portogallo e Lisbona, la sua città più rappresentativa, per la musica e quindi il Fado, l’anima musicale di questo straordinario paese, per una donna.

Furio Bortolotti, uno scrittore italiano, dopo un grave incidente si è trasferito con la moglie Silvia a Lisbona, purtroppo ha perso la voglia di scrivere. Vive silenzioso e solitario immerso in un mondo di pensieri che non trovano espressione verbale.

Un giorno una suggestione di Silvia gli accende improvvisamente una ispirazione: unendo un manoscritto acquistato in un mercatino d’antiquariato che riporta una poesia d’amore che poi si rivelerà scritta da Pessoa per una dama sconosciuta e l’amore per la musica così come per una donna, ne nasce una storia che percorre più generazioni con parallelismi che sembrano ripetersi uguali come in una spirale che non ha soluzione.

Passato e presente si mescolano e si ripropongono a segnare il carattere di tutti i personaggi che rimangono convinti di poter ancora scrivere e tracciare la propria vita.

E poi il Fado, che esprime prepotente la malinconia e lo struggimento per non riuscire a realizzare qualcosa, un destino tragico che accomuna. Malinconia e tragedia o soltanto lo spirito del Fado.

«Con la delicatezza di uno stile che si va sempre più delineando come personale, il lettore può farsi trascinare sulle note malinconiche di caratteri segnati da eventi affettivi che hanno tolto ai vari personaggi il piacere della vita.

Fino a un certo punto, fino alla svolta».

(Silvia Locatelli – Agente Letterario).

«L’uscita di questo doveva avvenire parecchio tempo prima – ha dichiarato l’Autore – ma nel pieno del book tour del libro precedente, con alcune date già fissate, è scoppiata l’emergenza covid ed rimasta in sospeso».

«Di cosa parla il tuo nuovo libro?»

«Ho definito questo romanzo una storia di amori, perché nel racconto spesso si intersecano, si sovrappongono o semplicemente corrono in parallelo l’amore per il Portogallo e per la sua città più bella e rappresentativa, Lisbona, l’amore per la musica e in particolare per il Fado, che rappresenta la colonna ideale di questo paese. Poi ci sono gli amori, quelli veri, tra Furio, uno scrittore italiano che vive a Lisbona e sua moglie Silva, tra Xavier, un professore di musica al Conservatorio ed Elisa, una cantante di Fado».

«In che modo il Fado e Pessoa entrano nella storia?»

«Tutto comincia quando Xavier, un professore che insegna musica al Conservatorio di Lisbona, nota e acquista da una bancarella, in una sorta di mercato delle pulci, la Feira da ladra, un manoscritto che contiene una poesia d’amore.

Lo stile sembra quello del famoso poeta lusitano e in effetti si scoprirà scritta da Pessoa, dedicata ad una donna misteriosa, messa poi in musica e utilizzata per un fado, rimasto chiuso in una cassapanca per decenni.

L’amore per la musica e per questa donna danno il via a questa storia che percorre più generazioni, unendo con un filo invisibile i protagonisti».

«Hai già programmato eventi legati all’uscita del libro?»

«Spero che l’emergenza covid, finisca al più presto, per organizzare un book tour e poter incontrare i lettori, una delle cose che mi gratificano maggiormente.

Ho già avuto riscontri positivi e inviti da parte di alcune librerie, vedremo se sarà possibile rimettersi in cammino. In ogni caso la prima presentazione con il pubblico in sala, come da tradizione, sarà a Jesi».

«Per chi volesse acquistare il libro?»

«È già disponibile in distribuzione nelle librerie e comunque può essere ordinato al momento; può essere acquistato anche nei maggiori siti di vendite online».


dalla Redazione di Vivere Jesi
redazione@viverejesi.it







Questo è un articolo pubblicato il 24-05-2021 alle 14:45 sul giornale del 24 maggio 2021 - 134 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo, redazione vivere jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b4aU





logoEV