Si è conclusa l’operazione “Mare Sicuro 2022” della Direzione Marittima dell’Abruzzo, Molise e Isole Tremiti. Soccorse 58 persone

guardia costiera 4' di lettura 27/09/2022 - Si è conclusa lo scorso 18 settembre l’operazione “Mare Sicuro 2022” condotta dalle donne e dagli uomini della Direzione Marittima dell’Abruzzo, Molise e delle Isole Tremiti e dei dipendenti Comandi compartimentali ed Uffici minori, impegnati lungo il litorale di giurisdizione.

L’operazione “Mare sicuro” - che si è protratta dal 18 giugno al 18 settembre - ha visto impegnati quotidianamente 200 donne e uomini del Corpo, 16 mezzi navali, 11 mezzi terrestri, nonché elicotteri AW 139 dedicati prevalentemente al S.A.R. e un aereo ATR42 per il soccorso e la tutela ambientale della Base Aeromobili Nucleo Aereo e Sezione Volo Elicotteri Guardia Costiera di Pescara, pronti ad intervenire in caso di emergenze in mare.

Il fine ultimo dell’Operazione Mare Sicuro, come ogni anno, è stato quello di garantire lo svolgimento nella massima sicurezza di tutte le attività nautico-balneari esercitate in mare e sulle spiagge e consentire la serena fruizione del mare e dei litorali a favore della collettività.

L’intensa azione di sensibilizzazione dell’utenza sul rispetto delle norme di sicurezza per la corretta balneazione e fruizione dei litorali è stata esercitata attraverso il dispiego sul campo dei militari della Guardia Costiera con la contemporanea presenza di pattuglie in spiaggia e motovedette in mare con uscite combinate quotidiane, rafforzando il dispositivo di intervento e la presenza del Corpo lungo l’intera costa, anche grazie ai quotidiani interventi televisivi su “Rete 8”, mirati a rammentare le principali regole di sicurezza in mare, nonché con una capillare diffusione di informazione tramite il “numero blu di emergenza in mare – 1530”.

Di seguito alcuni dati salienti della Direzione Marittima di Pescara:

  • 34 interventi di soccorso e assistenza, in mare e a terra;
  • 58 persone soccorse, per lo più bagnanti e diportisti;
  • 12 unità navali soccorse;
  • 5 decessi causati da malore e riconducibili agli effetti delle alte temperature raggiunte nel corso dei mesi di luglio e agosto;
  • 16.000 controlli delle pattuglie a mare e a terra;
  • 4.500 controlli svolti presso strutture balneari;
  • 4.500 controlli antinquinamento e pesca svolti dal personale a terra;
  • 406 illeciti accertati
  • 289 bollini blu rilasciati

L’andamento positivo della campagna, a livello nazionale, è stato anticipato anche dal Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone, presso il “Teatro del Mare” di Genova, in occasione della 62ª edizione del Salone Nautico Internazionale, nel corso del quale è stato presentato il bilancio dell'estate 2022 degli italiani, raccontata con i numeri dell’operazione “Mare Sicuro”, un’attività - questa - che la Guardia Costiera svolge da oltre 30 anni per garantire la sicurezza della balneazione e della navigazione di tutti coloro i quali frequentano il mare durante la stagione estiva.

A livello nazionale, da un’analisi dei dati presentati e da una comparazione con le estati precedenti, le unità da diporto soccorse, come pure le persone salvate (- 25% rispetto al 2021), fanno positivamente registrare una flessione: meno utenti del mare, infatti, si sono trovati in situazioni di pericolo, segno evidente di una maggiore prudenza e senso di responsabilità.

Anche i numeri riguardanti il fenomeno dell’occupazione abusiva di spiagge e acque libere sottratte illecitamente alla pubblica fruizione segnalano una importante flessione (- 45% rispetto al 2021), a riprova di un più diffuso rispetto delle regole.

Questa tendenza positiva conferma come la costante attività d’informazione e prevenzione, che affianca l'attività operativa, risultano essenziale per portare il cittadino a vivere il mare in sicurezza e nel rispetto dell’ambiente.

“La Guardia Costiera” ha dichiarato l’Ammiraglio Carlone nel suo intervento “è un'organizzazione che vive ogni giorno al fianco dei diportisti, degli addetti ai lavori e degli appassionati del settore. Intensa è stata l’attività operativa in mare per garantire la sicurezza dei diportisti, come anche l’attività amministrativa svolta a supporto di questo settore cardine della nostra economia e del turismo.”

La presentazione è quindi proseguita con un focus sull’attività della Guardia Costiera in campo ambientale, arricchitasi quest’estate della presenza operativa di un drone: un velivolo a pilotaggio remoto (RPAS) che l’Agenzia Europea per la Sicurezza Marittima (EMSA) ha messo a disposizione della Guardia costiera italiana per la campagna estiva 2022, non solo per consentire un migliore monitoraggio dei traffici marittimi e sorveglianza sul mare, ma anche per monitorare i grandi vertebrati marini del Santuario Pelagos.

La presentazione è stata anche l’occasione per proiettare, davanti al numeroso pubblico presente, lo spot TV che ha visto protagonista Massimiliano Ossini, realizzato dal Ministero della Transizione Ecologica, in collaborazione con la Guardia Costiera e la Rai; uno spot che mira a promuovere la fruizione sostenibile delle Aree Marine Protette.


da Luogotenente Np Biagio Abatematteo

Direzione Marittima di Pescara





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-09-2022 alle 09:47 sul giornale del 28 settembre 2022 - 228 letture

In questo articolo si parla di attualità, guardia costiera, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dsbF





logoEV