E.ON: “In Italia più aree verdi e meno CO2 grazie al progetto Boschi”

2' di lettura 19/01/2023 - ROMA - Il benessere delle persone e dell’ambiente è il cuore della missione Make Italy Green, in cui E.

ON, uno dei principali player energetici in Italia, crede fermamente. Proprio per questo l’azienda porta avanti, giorno dopo giorno, iniziative concrete con il contributo di partner, dipendenti, clienti e comunità. L’obiettivo: fare la differenza in modo tangibile per il pianeta e per un futuro più verde, attivando le persone della propria Green Community che ogni giorno compie scelte consapevoli per realizzarlo. Nell’ambito di questa strategia, uno dei fiori all’occhiello è il progetto Boschi E.ON, che, inaugurato nel 2011, ha contribuito in modo significativo e concreto a rendere l’Italia più verde, grazie alla riforestazione di aree naturali, parchi nazionali e regionali sul territorio italiano. L’iniziativa, che rappresenta uno dei più rilevanti progetti di forestazione portati avanti da un’impresa privata in Italia, ha consentito ad oggi la piantagione di oltre 110mila alberi, per un totale di 46 boschi, con una superficie di 105 ettari, pari a 105 campi da calcio regolamentari oppure - se gli alberi fossero disposti uno di fianco all’altro - alla distanza lineare tra Milano e Venezia. Il tutto in nove diverse regioni italiane: Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Lazio, Umbria, Marche e Puglia. Oltre 20 le specie piantate in ciascun bosco, tra cui: acero; leccio; olmo; carpino; frassino e pioppo oltre a tanti arbusti, necessari per garantire la biodiversità. I risultati sono significativi anche in termini di mitigazione climatica: la stima delle tonnellate di CO2 assorbite da questi alberi nel corso della loro vita è pari a oltre 77mila, che corrispondono alle emissioni prodotte da un’auto che percorre circa 10mila giri intorno all’equatore.





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 24-01-2023 alle 07:28 sul giornale del 20 gennaio 2023 - 12 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dODw





qrcode