SEI IN > VIVERE PUGLIA > CRONACA
articolo

Da Cerignola a Fano con l’auto a noleggio per rubare altre vetture: sgominata la banda

2' di lettura
90

Venivano dalla Puglia con delle auto a noleggio per rendere più complicata la loro identificazione. Poi attendevano la notte, sceglievano con cura le auto da rubare e agivano con il favore del buio. Era questo il modus operandi della banda specializzata in furti di vetture identificata dalla polizia di Stato e che ha portato all’esecuzione di misure cautelari per tre dei cinque componenti.

Gli agenti del commissariato di Fano coordinato da Stefano Seretti hanno avviato le indagini dopo alcuni furti avvenuti in città. Gli accertamenti degli investigatori hanno condotto verso alcune attività illecite riguardanti la rivendita dei pezzi di ricambio di autovetture nella provincia di Foggia. Gli agenti sono così riusciti a individuare i responsabili di undici furti aggravati - di cui otto tentati e tre andati a segno - verificatisi tra Fano, Marotta di Mondolfo e Senigallia tra ottobre e novembre dello scorso anno. Le indagini hanno dunque condotto all’identificazione di cinque componenti della banda, tutti provenienti dalla Puglia, con base operativa a Cerignola – nel foggiano -, oltre al recupero di due auto.

I ladri erano soliti entrare nelle vetture prese di mira sfondando il deflettore posteriore. Le mettevano in moto, poi, con una centralina di sostituzione, arrecando anche dei danni ingenti. Poi ripartivano verso sud in autostrada, utilizzando l’auto a noleggio a mo’ di ‘safety car’, facendola viaggiare davanti all’auto rubata così da individuare eventuali pattuglie prima di essere fermati. In diversi casi i ladri sono stati costretti ad abbandonare le auto trafugate per via dell’intervento degli agenti.

Le indagini sono andate a buon fine grazie all’azione del commissariato, anche con l’impiego delle attività tecniche della polizia scientifica e il coordinamento della Procura della Repubblica pesarese. Il tribunale di Pesaro ha poi emesso un’ordinanza di misura cautelare dell’obbligo di dimora- con divieto di uscire dalle abitazioni in orario notturno - a carico di tre dei malviventi individuati, eseguita grazie al contributo del commissariato della città pugliese.





Questo è un articolo pubblicato il 29-05-2024 alle 16:02 sul giornale del 30 maggio 2024 - 90 letture






qrcode